In tendenza

Caretta caretta salvata dal tempestivo intervento dei bagnanti di Agnone

Sul posto personale della capitaneria di porto

Il magnifico esemplare di tartaruga marina portato a riva dalla corrente presentava segni di sofferenza dopo aver inghiottito un amo. In attesa dell’arrivo dei soccorsi, la tartaruga  è stata oggetto della curiosità dei bagnanti, grandi e piccoli,  che in estate risiedono nella baia sul litorale Jonico.

Soccorsa è stata  affidata alle cure di personale competente. Nell’estate di qualche anno fa sulla spiaggia di Agnone bagni venne rinvenuto un nido della stessa specie. Ben 70 uova di caretta caretta furono  ritrovate per puro caso sotto la sabbia da alcuni ragazzini che giocavano. L’evento anche se fu il primo, suscitò particolare interesse da parte dei residenti che si attivarono  per segnalare la scoperta ai responsabili del recupero fauna selvatica.

Il litorale di Agnone bagni  è un posto deputato alla nidificazione di questi esemplari che ricordano dove sono nati e ci tornano a depositare uova anche dopo anni. Il sogno di tutti è quello di far diventare la baia di Agnone  riserva delle tartarughe caretta caretta.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo