In tendenza

Carlentini, crisi politica in maggioranza. Ripa lista “Ora”: “Le nostre perplessità avevano fondatezza”

Ad aprire la crisi i consiglieri di maggioranza :  il presidente del consiglio Giovanni Fuccio Sanzà, Massimo Favara, Giuseppe Nicastro, Giusy Soviero della Lista Continua che fa riferimento all’ex sindaco di Carlentini Pippo Basso, Maria Rosa Ripa e   Maurizio Crisci della lista Ora Carlentini (  ideata dall’allora sindaco di Lentini Saverio Bosco, attualmente consigliere in carica nel vicino comune) e Giuseppe Demma del PD

La crisi politica è scoppiata all’interno della maggioranza. Nonostante  i consiglieri della lista Continua : il presidente del consiglio Giovanni Fuccio Sanzà, Massimo Favara, Giuseppe Nicastro, Giusy Soviero che fa riferimento all’ex sindaco di Carlentini Pippo Basso, quelli della Lista Ora Maria Rosa Ripa e   Maurizio Crisci (  ideata dall’allora sindaco di Lentini Saverio Bosco, attualmente consigliere in carica nel vicino comune) e Giuseppe Demma del PD abbiano ribadito anche in conferenza stampa che si tratta di crisi amministrativa, l’evidenza dei fatti dimostra tutt’altro.

Ripercorrendo gli avvenimenti degli ultimi mesi, la crisi si è aperta a fine dicembre  quando il sindaco Giuseppe Stefio, durante una conferenza nella sede provinciale del PD annunciò ufficialmente la sua adesione al Partito Democratico.

In quello stesso periodo il sindaco sottopose al consiglio comunale una bozza di bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2021, peraltro finora non approvato, da discutere insieme a tutti i consiglieri. La stessa bozza fu subito messa in discussione dagli stessi consiglieri ritenendo che ” si trattava di una bozza non corrispondente al vero”.

Lo squilibrio di circa di 900 mila euro fu evidenziato dalla relazione prodotta da una società competente in materia finanziaria, che la stessa amministrazione ha incaricato, dietro “suggerimento ” dei consiglieri di maggioranza in questione.

“Noi della lista Ora Carlentini – ha detto la consigliera Maria Rosa Ripa – abbiamo sempre distinto l’azione politica da quella amministrativa. La politica è condivisione, visione e programmazione. Elementi questi che purtroppo ormai da mesi mancano  a questa maggioranza. Il sindaco, da profeta apartitico,  ha consumato la sua scelta confluendo a pieno titolo dentro il PD sconvolgendo l’assetto politico di questa amministrazione e lacerando la sua stessa maggioranza che da tempo a Carlentini, purtroppo non è più una maggioranza.

Fortemente non condividiamo le scelte a dir poco azzardate ritrovandoci nel mese di maggio a non aver approvato il bilancio di previsione 2021, essendo stati in maniera prudenziale e cauti a far emergere discrasie su una bozza presentataci dal sindaco e dal suo assessore al bilancio Salvo Genovese. Le nostre perplessità purtroppo avevano fondatezza: il bilancio non era veritiero nei numeri, come si evince dalla relazione  presentata dalla società incaricata.

Oggi la navigazione sarà a vista considerando che è venuto a mancare l’elemento che si chiama fiducia. Saremo sempre vigili e determinati con la sola prerogativa di fare gli interessi della nostra Carlentini. D’altronde “noi” non siamo per nulla distratti da esiti di scadenza elettorale”.

Sulla questione è intervenuto anche Saverio Bosco, ex sindaco di Lentini e attuale consigliere comunale a Lentini, ideatore della lista Ora Carlentini. “Constato con amarezza – ha dichiarato Bosco  –  che si è sprecata un’opportunità amministrativa,  tradendo l’eredità della buona amministrazione passata”.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo