In tendenza

Carlentini, la sede della protezione civile di piazza S.Anna sarà intitolata al compianto funzionario del comune Ezio Micalizio

La proposta del sindaco Giuseppe Stefio è stata approvata dalla Giunta con lo scopo di onorare la memoria del dipendente comunale, coordinatore del servizio di protezione civile, scomparso all'età di 55 anni

La sede della protezione civile comunale di piazza S.Anna sarà intitolata al compianto funzionario Ezio Micalizio.

La proposta del sindaco Giuseppe Stefio è stata approvata in Giunta con lo scopo di onorare la memoria del coordinatore al quale l’allora sindaco Rosario Iapichello, subito dopo il terremoto del 1990 affidò la responsabilità del delicato incarico.

Classe 1953, sposato con la giornalista Rosanna Gimmillaro, la notte del terremoto del 13 dicembre 1990 fu uno dei  primi soccorritori impegnati nelle ricerche dei corpi sepolti sotto le macerie. Da quel momento il suo impegno fu totalmente rivolto al servizio di protezione civile comunale. In breve il coordinatore riuscì a costituire il gruppo di volontari con i quali contribuì a far diventare la protezione civile di Carlentini  il fiore all’occhiello della provincia di Siracusa.

Impegnato nelle varie missioni di volontariato, fu chiamato a prestare la sua collaborazione insieme al gruppo di volontari anche nelle operazioni di soccorso per fronteggiare l’emergenza in alcune località come  Sarno e a quella connessa a svariati  eventi eruttivi nei paesi etnei. Grazie alla sua esperienza acquista negli anni conseguì  svariati corsi di formazione inerenti l’incarico fino all’ambìto diploma di  Disaster Manager  finalizzato ad espletare ufficialmente con la stessa coscienza di sempre, il suo operato nell’interesse delle comunità in difficoltà.

Attraverso il suo impegno sul campo e i contatti con la protezione civile regionale, al comune di Carlentini fu concesso un importante finanziamento per l’acquisto di diversi mezzi pesanti per il servizio di Protezione civile. “E’ volontà dell’amministrazione comunale – dice il sindaco Giuseppe Stefio –  ricordare l’operato di volontario sul campo del compianto Ezio Micalizio per  anni coordinatore del  servizio di protezione civile comunale per ricordare ed onorarne la memoria, a seguito dell’indiscusso contributo apportato alla comunità carlentinese”.

Nel corso della sua carriera lavorativa Ezio Micalizio ricevette svariati encomi e riconoscimenti anche da parte delle varie amministrazioni. Il più importante arrivò durante il mandato del sindaco Sergio Monaco, a seguito del ritrovamento in mare del corpo di un militare di Carlentini.

Il ragazzo di appena 20 anni figlio di un ispettore di polizia municipale, perse la vita nelle acque di Agnone bagni nell’agosto del 1998. A distanza di 48 ore il corpo del giovane fu ritrovato dal gruppo coordinato dal funzionario di protezione civile.

Ezio Micalizio scomparve il 5 febbraio del 2009 all’età di 55 anni dopo aver lottato contro un male incurabile.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo