In tendenza

Carlentini, partecipazione sentita per la fiaccolata della legalità organizzata dal gruppo Agesci 1

L’evento “legati dalla stessa legge” si inquadra nel contesto del percorso educativo e culturale intrapreso dagli  Scout

“Legati dalla stessa legge” è  il tema della fiaccolata della legalità organizzata dagli Scout gruppo  Agesci 1 Carlentini che si è svolta in occasione del trentennale delle stragi di Capaci e via d’Amelio. Per ricordare il magistrato Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, il giudice Paolo Borsellino e gli uomini della scorta, tante le persone che hanno preso parte all’evento patrocinato dal comune di Carlentini.

La manifestazione che  si inquadra nel contesto del percorso educativo e culturale intrapreso dagli  scout di Carlentini, ha registrato la partecipazione del sindaco di Carlentini Giuseppe Stefio, assessori, consiglieri comunali e molti cittadini. Gli stessi che hanno assistito alla realizzazione dei lavori su tela con scritte antimafia con i quali hanno poi dato vita alla fiaccolata.

Il corteo ha percorso via Roma, via Raffaello prima giungere in via Scavonetti nei pressi del murales in mosaico che raffigura i magistrati Falcone e Borsellino, realizzato dagli Scout con alcuni  scarti delle discariche. Al termine, un momento di riflessione prima di dare il via all’inaugurazione del nuovo spazio dedicato alle stragi di mafia.

Bisogna mantenere vivo il ricordo e continuare a combattere la mafia ogni giorno – ha detto Antonino Marino, capogruppo degli Scout – Crediamo in questa manifestazione, iniziata nel 2019 che continueremo a portare avanti nel tempo. Il 23 maggio e il 19 luglio sono due giornate particolari che vanno vissute intensamente insieme alla propria comunità”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo