In tendenza

Danni da maltempo, Cia Sicilia Orientale fa il punto con le amministrazioni di Lentini, Carlentini e Francofonte

Alluvione e siccità al centro dell’incontro tra i sindaci del comprensorio che si è tenuto al comune di Scordia

Anche il vice sindaco di Carlentini Salvo La Rosa, il sindaco di Lentini Rosario Lo Faro e l’assessore all’agricoltura di Francofonte Giuseppe Vinci hanno preso parte insieme ai sindaci del comprensorio all’incontro organizzato da Cia Sicilia orientale per fare il punto sulla situazione emergenza alluvioni. Erano presenti Giovanni Burtone  di Militello, il vice sindaco Francesco Favata di Palagonia, l’assessore all’agricoltura di Scordia Salvatore Agatino Burtone. Per le organizzazioni di categoria Carmelo Bellò, Cia Scordia, Rocco Scollo, Cna Scordia, Alfio Torrisi, Fai Cisl Catania, Giuseppe Cristofaro Assoesercenti.

Alluvione dopo alluvione, siccità dopo siccità le nostre aziende sono in ginocchio – hanno detto i sindaci – Questo territorio non può morire. Sono ancora bloccati i risarcimenti dei danni del 2018. La Regione costituisca subito la cabina di regia per attivare i finanziamenti sia nazionali che regionali necessari per gli interventi. Vogliamo sederci al tavolo regionale assieme a Genio Civile, Protezione Civile, gli assessorati all’Agricoltura e alle Infrastrutture, alle organizzazioni professionali agricole”

L’incontro convocato dal presidente di Cia Sicilia Orientale Giuseppe Di Silvestro e dal sindaco di Scordia Francesco Barchitta è stata l’occasione per evidenziare la necessità da parte della  Regione di costituire subito la cabina di regia per attivare i finanziamenti sia nazionali che regionali necessari per gli interventi legati alle alluvioni del 2018 e alla siccità. “Necessario reperire fondi ministeriali e regionali – ha commentato Di Silvestro – la Regione Siciliana potrebbe immediatamente attivare le misure 5.2 e 4.3 del PSR per interventi al territorio e alle aziende. Se l’assessorato all’Agricoltura saprà intervenire in modo energico, i ristori potrebbe essere sbloccati entro 6 mesi.

“È necessario fare rete per rappresentare il territorio nelle sede di governo – ha detto il sindaco di Lentini Rosario –  I nostri agricoltori stanno ancora subendo le conseguenze dei mancati pagamenti dei danni di tre anni fa. Aggiungere un ulteriore ritardo sarebbe imperdonabile”

Fondamentale è la mobilitazione delle risorse legate ai bandi del 2018 – ha detto il vice sindaco di Carlentini Salvo La Rosa – e poi chiarire la metodica più veloce ed efficace per affrontare questo nuovo evento calamitoso con interventi a lungo termine”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo