In tendenza

Il reparto di Pediatria dell’ospedale di Lentini a rischio chiusura

Ad alzare i toni della protesta sono il Comitato Antudo-Lentini, l’associazione Manuela e Michele, il comitato per la salute di Francofonte, il  Tribunale dei diritti del  Malato pronti a scendere in piazza a manifestare

Le  criticità che interessano l’ospedale di Lentini potrebbero comportare anche la chiusura del reparto di Pediatria. È quanto sostengono il comitato Antudo-Lentini, l’associazione Manuela e Michele, il comitato per la salute di Francofonte, il Tribunale dei diritti del Malato che si dichiarano pronti a scendere in piazza per manifestare.

Mentre a Palermo i partiti si scontrano per piazzare i propri uomini sulle poltrone di Direttori Generali delle 18 aziende sanitarie di Sicilia– dichiarano i rappresentanti dei comitati e delle associazioni in questione –  la situazione della Sanità, a Lentini come altrove, va sempre peggio. Le ultime riguardano la ventilata chiusura del reparto di Pediatria. Se è vero che il problema sta a monte, nelle politiche del Governo centrale e di quello regionale – con tagli alle spese sanitarie per altri 2 miliardi (le facce di bronzo del Governo lo chiamano “risparmio”) e progressivo smantellamento della medicina territoriale – è anche vero che al livello locale esiste un problema, un grande problema: parliamo di malagestione.  Lo sa bene chi è costretto a richiedere servizi ospedalieri o i servizi del distretto sanitario e lo sa bene anche lo stesso personale sanitario (medici e infermieri che però tacciono impauriti dai vari caporioni della Asp e dell’ospedale). Le proposte che vengono dagli abitanti sono state espresse nella manifestazione del 24 febbraio scorso e più volte ribadite e modulate a partire da ciò che sin da subito era possibile fare. Asp e ospedale continuano a far finta di nulla.  Così non si può più andare avanti. Riprendere la lotta per riprendersi il diritto alla salute. Riprendiamo l’agitazione contro malagestione e progressivo smantellamento dell’ospedale”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo