In tendenza

Lentini, domani mattina cerimonia per commemorare Emanuele Ferraro caporal maggiore vittima della strage di Nassirya

A 18 anni dall’attentato alla base italiana in Iraq, domani la città ricorderà il giovane militare lentinese Emanuele Ferraro che con coraggio, passione e senso del dovere, mise  al servizio dell’intera comunità il suo  impegno, sacrificando il bene supremo della vita

Cerimonia domani mattina alle ore 11  per ricordare il sacrificio di Emanuele Ferraro vittima della strage di Nassirya. In servizio permanente di stanza nel 6° reggimento trasporti di Budrio, Emanuele Ferraro,  lentinese ma residente a  Carlentini,  aveva 28 anni quando il 12 novembre del 2003 alle  ore 8.40 italiane, ore 10.40 a Nassiriya, nelle case degli italiani entrò di nuovo la guerra.

In presenza  dei genitori Maria e Dario, parenti e concittadini  del giovane concittadino che con coraggio si era offerto di  garantire la pace internazionale,  il sindaco Rosario Lo Faro perpetuerà un piccolo ma sentito gesto deponendo una corona di alloro ai piedi del monumento in bronzo edificato  in piazza del Popolo.

I partecipanti si sposteranno poi nel cimitero di Lentini dove è sepolto Emanuele Ferraro. In memoria del militare anche il comune di Carlentini ha dedicato un  parco  nella zona nord.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo