In tendenza

L’ospedale di comunità sarà allestito al quarto piano del presidio di Lentini

Conferenza stampa organizzata dal M5S per affrontare le criticità che interessano l’ospedale di Lentini e l’utilizzo dei fondi del Pnrr per la ristrutturazione del Pta di piazza Aldo Moro

L’Ospedale di Comunità sarà allestito al quarto piano del presidio ospedaliero di Lentini,  attualmente occupato dagli ambulatori. Lo ha ufficialmente comunicato il deputato regionale del M5S Giorgio Pasqua, componente della VI commissione Salute all’Ars, nel corso di una conferenza organizzata dal vice sindaco di Lentini Maria Cunsolo e dalla consigliera comunale Agata Magnano.

Secondo quanto ha reso noto il deputato Pasqua, gli ambulatori  saranno  spostati  dall’ospedale alla  struttura di  piazza Aldo Moro,  la stessa che sarà oggetto di ristrutturazione con i fondi del Pnnr. All’incontro, aperto dalla consigliera Agata Magnano e dalla Vice Sindaca Maria Cunsolo,  hanno partecipato i sindaci Rosario Lo Faro di Lentini e Giuseppe Stefio di Carlentini, consiglieri comunali, paolo Censabella e altri rappresentanti   del comitato unitario per la sanità pubblica.

L’on. Giorgio Pasqua  ha ripercorso l’iter del procedimento per la definizione degli interventi nelle Aziende Sanitarie Siciliane con un’attenzione particolare alla provincia di Siracusa. A centro dell’incontro il Distretto di Lentini interessato con l’ospedale di comunità, la Casa della Salute ed altri interventi d’importanza non secondaria per migliorare i servizi ospedalieri, anche se attualmente permangono delle criticità derivanti la mancanza di personale medico e paramedico.

Nel corso della conferenza i sindaci  di Lentini, Rosario Lo Faro e di Carlentini, Giuseppe Stefio hanno affrontato la tematica evidenziando che l’attenzione rimane alta sulle problematiche che riguardano l’intero territorio. “Alla luce di quanto emerso dalla conferenza stampa – ha dichiarato il vice sindaco Maria Cunsolo – le prospettive del PNRR per la provincia e per l’ospedale di Lentini sono positive. Anche se la situazione dovrà essere monitorata e seguita, perché le criticità sono molte. Reputo importante che l’iniziativa abbia confermato ancora di più lo spirito di collaborazione e di attenzione massima di tutti al di là delle appartenenze e delle responsabilità”. 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo