In tendenza

Lentini, omicidio Naima Zahir: fermato il marito

Nei  confronti di Massimo Cannone è stato emesso un provvedimento della Procura di Siracusa per omicidio volontario ipotizzando il pericolo di fuga

La polizia ha arrestato poco fa Massimo Cannone, il tappezziere accusato di avere ucciso con una coltellata alla gola la moglie Naima Zahir, 45 anni originaria di Casablanca.

L’uomo aveva avvertito la polizia di aver ritrovato in casa, sabato sera, la moglie con un coltello conficcato nella gola e di aver cercato di soccorrerla estraendo la lama senza però riuscire a salvarla. Il racconto di Cannone che ipotizzava un probabile suicidio della donna, era sembrato subito confuso e contraddittorio. Dopo 24 ore di interrogatorio era stato rilasciato. Stasera gli agenti della squadra mobile di Siracusa e quelli del commissariato di Lentini lo hanno fermato con l’accusa di omicidio volontario.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo