In tendenza

Lentini, servizi Asacom per diversamente abili: sinergia tra comune e associazione 20 novembre 1989 onlus

L’incontro tra l’assessore alla politiche sociali Ciro La Ferla e il vice presidente nazionale dell'associazione 20 novembre 1989 Onlus, Sebastiano Amenta, è stata l’occasione per discutere dei servizi di assistenza all’autonomia e alla comunicazione rivolti agli alunni diversamente abili

L’augustano Sebastiano Amenta, vice presidente nazionale dell’associazione 20 novembre 1989 Onlus, ha incontrato l’assessore alle Politiche Sociali di Lentini, Ciro La Ferla, per discutere sui servizi Asacom (assistenza all’autonomia e alla comunicazione) rivolti gli alunni diversamente abili e sui disservizi che si sono registrati nel corso dell’anno scolastico. L’incontro al quale era presente anche la funzionaria dirigente del comune, Rita Odierna, è stata l’occasione per discutere anche sull’istituzione della figura del garante della disabilità e della consulta.

“Dall’assessore Ciro La Ferla e dalla funzionaria dirigente Rita Odierna – dichiara Sebastiano Amenta – massima disponibilità. Entrambi mi hanno rassicurato  sull’erogazione del servizio per il prossimo anno scolastico , in considerazione del fatto che per quello che sta per concludersi,  l’attività svolta a singhiozzo ha creato  disagi  non indifferenti  per i bambini di Lentini. Ho spiegato che l’ assistenza specialistica regolamentata  dall’articolo 13 della Legge 104/92, non è legata ad alcun vincolo di bilancio in quanto rientra tra i servizi essenziali e,  nel caso in cui non dovesse essere erogato si tratterebbe di interruzione di pubblico servizio. Abbiamo discusso anche dell’istituzione della figura del garante della disabilità e della consulta stessa. Personalmente collaborerò con l’amministrazione comunale di Lentini per la stesura dei regolamenti in modo da rendere celere l’iter per la nomina del garante e la funzionalità della consulta permanente della disabilità. Entrambi gli organi lavoreranno in sinergia a favore delle  persone diversamente abili.  Sono convinto che  la collaborazione porta sempre a fare grandi cose, soprattutto nell’interesse di bambini e ragazzi fragili”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo