In tendenza

Raddoppio Ragusana, iter lungo 30 anni. Pistorio e Carnevale: “Musumeci venga a Lentini”

Dopo l’ultimo incidente stradale avvenuto sulla SS 194 Catania Ragusa, nei pressi di Francofonte,  Giovanni Pistorio, Segretario Generale FILLEA-CGIL Sicilia e Salvo Carnevale, Segretario Generale Provinciale FILLEA-CGIL Siracusa, ritengono necessario fissare un altro incontro con le organizzazioni sindacali auspicando la presenza del governatore Nello Musumeci

Un nuovo incontro con le organizzazioni sindacali e l’invito al presidente della Regione Nello Musumeci di venire a Lentini per spiegare alle comunità interessate al raddoppio delle SS 194 Catania Ragusa il ritardo dei lavori. È quanto dichiarano  Giovanni Pistorio, segretario generale Fillea-Cgil Sicilia e Salvo Carnevale – segretario generale Provinciale Fillea-Cgil Siracusa a seguito l’ennesimo incidente stradale avvenuto nei pressi di Francofonte sulla Ragusana.

Dopo l’ennesimo grave incidente della scorsa settimana – dichiarano Pistorio e Carnevale – occorso all’altezza di Francofonte su quella che la storia ha ribattezzato la strada degli orrori, abbiamo preferito non intervenire con il solito stucchevole e retorico richiamo alla sicurezza che manca su un pezzo di territorio che aspetta un’opera pubblica come quella promessa da tutto l’arco costituzionale da oltre 30 anni. Nel mese di novembre il commissario straordinario Musumeci ha incontrato le organizzazioni sindacali, insieme ai dirigenti Anas – così come previsto dalla procedura – e aveva annunciato di vedere finalmente il traguardo e confidava che entro il mese di dicembre potessero essere completati gli ultimi adempimenti, compreso il pezzo di finanziamento mancante per giungere al miliardo di euro (valore complessivo dell’opera) che deve arrivare dal Ministero delle Infrastrutture pari a circa ¼ dell’ammontare. Questo pezzo di finanziamento insieme ad alcuni aspetti burocratici non di secondaria importanza erano, e sono, ‘”conditio sine qua non” per poter lanciare la gara e affidare finalmente i lavori entro questa estate. In occasione di quella riunione professando cautela – e ricordando i temi della contrattazione d’anticipo, della legalità e della sicurezza – memori delle cocenti delusioni degli anni passati, abbiamo chiesto trasparenza e comunicazione continua con il territorio. Crediamo sia arrivato il momento di fissare un nuovo incontro con le organizzazioni sindacali ma sarebbe auspicabile che Musumeci venga, anche a Lentini, a spiegare al territorio cosa sta accadendo. All’orizzonte temiamo di vedere passare anche il 2022 senza aver posato la prima pietra.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo