In tendenza

Intitolata allo studente scomparso Stefano Russo l’aula multimediale dell’istituto Pirandello

Per ricordare lo studente tragicamente scomparso è stata avviata un’autonoma raccolta fondi da parte di familiari, parenti, amici, colleghi dei genitori, personale della scuola e alunni che ha permesso alla famiglia Russo di donare alla scuola i computer dell’aula multimediale dell'istituto Pirandello di Carlentini nord.

In presenza dei familiari di Stefano, del sindaco di Carlentini Giuseppe Stefio, del responsabile dell’ufficio Ced  Giuseppe Fanciullo, della presidente del consiglio di Istituto  Elisabetta Aletta, della dirigente Fabrizia Ferrante, del personale scolastico, dei compagni e degli amici, è stata scoperta la targa di intitolazione dell’aula multimediale in memoria di Stefano. In occasione della cerimonia i familiari hanno voluto ringraziare tutti coloro che generosamente hanno reso possibile la donazione.

“Donare è amare – ha detto la dirigente scolastica – Ad aprile, nonostante il dolore per la tragedia, i genitori di Stefano avevano manifestato l’infinito amore per il figlio con un atto di fraternità universale che ha permesso ad altri bambini di continuare a vivere. Stefano continua a vivere nel cuore e nei ricordi delle persone che lo amano”.

Stefano Russo aveva soltanto 13 anni quando nel  pomeriggio del 31 marzo mentre percorreva via Ventimiglia in sella alla sua bici, all’altezza dell’incrocio  con via Valdemone, venne investito da una Renault Kangoo. Nonostante la tragedia immane i genitori non esitarono a compiere un grande atto d’amore per consentire ad altri bambini di continuare a vivere.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo